Home arrow La Bibbia - Salmo 138
A mio Padre
A+ | A- | Reset
Home
Perché questo mio sito
Autobiografia
Anniversario
Perché sono nato
I sogni di Dio
Ciao papà...e grazie
Crocifisso
Chi canta prega 2 volte
Lettera angelo custode
Sister Providence
Pensaci tu Ges
s. Tommaso e la fede
S. Francesco
Ai miei fratelli
Chi è il cristiano
Alla casa del Padre
Per Riflettere
La Bibbia - Salmo 138
Diretta con il Papa
Credo
Le mie battaglie
Amare l'Handicap
Andare oltre l'handicap
Tutto è grazia: L'HANDYCAP
Una Favola vera
Stampa e Disabilità
Karakiri all'EUTANASIA
Legislazione sociale
Dai tu buone Notizie!
Alice e Giulio
Suore del Roveto
La storia di Samuel
Testimoni coraggiosi
Notizie dalla missione
Immigrazione Accoglienza
La Divina Commedia
Inno alla Gioia
Cantare alla vita
Ridiamoci su,la vita è Bella
Miracoli
Foto Racconto
Love Animali
Salviamo la Terra
Partecipa al forum
Partecipa DREAM TEAM
Blog & Link
Questa si che Bella!
Ricerca Avanzata
Calend. appuntamenti
Contattami
Ingresso utenti
Nome Utente

Password

Ricordami
Hai perso la password?
Non ci conosciamo? iscriviti gratis qui

PDF Stampa E-mail

La Bibbia - Salmo 138

 

 

Signore, tu mi scruti e mi conosci,
tu sai quando seggo e quando mi alzo.
Penetri da lontano i miei pensieri,
mi scruti quando cammino e quando riposo.
Ti sono note tutte le mie vie;
la mia parola non è ancora sulla lingua
e tu, Signore, già la conosci tutta.
Alle spalle e di fronte mi circondi
e poni su di me la tua mano.
Stupenda per me la tua saggezza,
troppo alta, e io non la comprendo.
Dove andare lontano dal tuo spirito,
dove fuggire dalla tua presenza?
Se salgo in cielo, là tu sei,
se scendo negli inferi, eccoti.
Se prendo le ali dell'aurora
per abitare all'estremità del mare,
anche là mi guida la tua mano
e mi afferra la tua destra.
Se dico: “Almeno l'oscurità mi copra
e intorno a me sia la notte”;
nemmeno le tenebre per te sono oscure,
e la notte è chiara come il giorno;
per te le tenebre sono come luce.
Sei tu che hai creato le mie viscere
e mi hai tessuto nel seno di mia madre.
Ti lodo, perché mi hai fatto come un prodigio;
sono stupende le tue opere,
tu mi conosci fino in fondo.
Non ti erano nascoste le mie ossa
quando venivo formato nel segreto,
intessuto nelle profondità della terra.
Ancora informe mi hanno visto i tuoi occhi
e tutto era scritto nel tuo libro;
i miei giorni erano fissati,
quando ancora non ne esisteva uno.
Quanto profondi per me i tuoi pensieri,
quanto grande il loro numero, o Dio;
se li conto sono più della sabbia,
se li credo finiti, con te sono ancora.
Se Dio sopprimesse i peccatori!
Allontanatevi da me, uomini sanguinari.
Essi parlano contro di te con inganno:
contro di te insorgono con frode.
Non odio, forse, Signore, quelli che ti odiano
e non detesto i tuoi nemici?
Li detesto con odio implacabile
come se fossero miei nemici.
Scrutami, Dio, e conosci il mio cuore,
provami e conosci i miei pensieri:
vedi se percorro una via di menzogna
e guidami sulla via della vita.